I cantoni dovranno consultare l'Ufficio federale dell'ambiente
I cantoni dovranno consultare l'Ufficio federale dell'ambiente (keystone)

Una caccia di manica larga

L'abbattimento di linci, orsi e castori deve essere facilitato, oltre a quello dei lupi. Lo hanno deciso gli Stati

L'abbattimento non solo di lupi ma anche di stambecco, linci, orsi e castori in Svizzera deve essere facilitato. Questo, almeno, è il parere del Consiglio degli Stati che mercoledì mattina a Berna ha terminato la revisione della Legge sulla caccia (28 voti contro 14 e 2 astenuti). L'oggetto ora passa al Nazionale, mentre le associazioni ambientaliste e animaliste parlano già di referendum.

Il progetto prevede la regolazione agevolata degli effettivi di alcune specie protette per impedire "grossi danni o pericoli" per l'uomo. Il tema ha scatenato un lungo dibattito, nel corso del quale la destra è riuscita in vari punti a rafforzare alcuni concetti, come l'idea di impedire i ricorsi contro decisioni cantonali in materia. La sinistra, invece, ha dapprima tentato di rinviarlo al Governo, proposta bocciata con 29 voti contro 14, e poi di limitarne la portata.

Il riferimento, negli articoli di legge, è all'uccisione di animali isolati. I cantoni non saranno più obbligati a provare un danno concreto e — previa consultazione dell'Ufficio federale dell'ambiente — potranno effettuare "interventi regolatori" non soltanto per i lupi, ma anche per altre specie protette fonte di controversie.

ATS/px

Condividi