L'Alto commissario Filippo Grandi mentre discute con dei rifugiati lo scorso 20 giugno ad Amman, in Giordania (keystone)

Verso un Forum sui rifugiati

Svizzera e ONU organizzeranno a Ginevra il primo summit mondiale dedicato alla gestione di un fenomeno che coinvolge 26 milioni di persone

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

La Svizzera e l'ONU lanceranno in dicembre il primo Forum mondiale sui rifugiati. La Confederazione dovrebbe essere rappresentata dal consigliere federale Ignazio Cassis. Atteso anche il Segretario generale dell'ONU Antonio Guterres. Anche Turchia, Germania, Etiopia e Costa Rica parteciperanno all'organizzazione del summit, ha reso noto lunedì l'Alto commissariato per i rifugiati (UNHCR).

Oltre ai ministri di diversi Governi, il summit di Ginevra, che si terrà il 17 e il 18 dicembre, ospiterà organizzazioni internazionali, autorità locali, rappresentanti della società civile e del settore privato. La risposta a tutte queste sfide non può infatti arrivare da un solo attore, ha spiegato l'Alto commissario dell'UNHCR Filippo Grandi. L'incontro concretizza il Patto mondiale di New York, lanciato lo scorso dicembre, e ha come scopo quello di rafforzare la risposta internazionale al problema di rifugiati e migrazione.

Secondo le ultime cifre pubblicate la settimana scorsa dall'ONU, quasi 26 milioni di persone nel mondo sono rifugiate e il numero di richiedenti asilo ha raggiunto i 3,4 milioni. Il Patto mondiale punta a migliorare la presa a carico di queste persone, estendendo ad esempio il sostegno ai paesi e alle comunità d'accoglienza. Sarà però necessario anche aumentare il ruolo di Stati terzi. "Con decine di milioni di persone colpite da guerra, conflitti e persecuzioni - sottolinea l' UNHCR - il Forum rappresenta un'opportunità per fare il bilancio della situazione attuale e per rafforzare la risposta internazionale a tale situazione".

ATS/Bleff
Condividi