Volare nel blu dipinto di plexiglass

TG 20 di lunedì 04.05.2020

Volare non sarà più come prima

Dalla disinfezione totale in aeroporto ai velivoli semivuoti: ecco qualche ipotesi su come potrebbe cambiare il nostro modo di viaggiare

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Il Consiglio federale ci ha fatto capire che le vacanze di questa estate dovremo probabilmente trascorrerle in Svizzera, ma quando le frontiere riapriranno in tutto il mondo e potremo riprendere a viaggiare, sarà tutto come prima? In aereo molto probabilmente no, tanto che gli aeroporti stanno già mettendo a punto nuove misure di sicurezza: check-in rigorosamente in rete, passeggeri meglio distribuiti fra i vari terminal, scanner termico o la disinfezione totale in un'apposito box che si sta testando attualmente a Hong Kong. Ma ci mette 40 secondi e promette code interminabili.

Anche a bordo rischia di non essere più come prima: le hostess avranno la mascherina, noi passeggeri forse pure, gli auricolari, i cuscini e le coperte potremmo doverli portare da casa. Ma, almeno, avremo probabilmente più spazio: Ryanair ha già escluso l'ipotesi, ma alcune compagnie hanno già assicurato che fra un posto e l'altro ce ne sarà sempre uno vuoto. Apparecchi semivuoti saranno però, inevitabilmente, accompagnati da un prezzo del biglietto più elevato. Le alternative? Il guscio in plexiglass per separare un posto dall'altro o il sedile centrale di una fila girato nella direzione opposta.

TG/pon
Condividi