(REUTERS)

Assad: "Cederemo le armi chimiche"

Lo ha confermato il presidente siriano in un'intervista alla tv Rossia 24; Lavrov è arrivato a Ginevra

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

"La Siria metterà sotto controllo internazionale le proprie armi chimiche, questo grazie alla proposta russa, non per la minaccia statunitense".

Lo ha dichiarato lo stesso presidente Bashar al-Assad in un'intervista alla tv russa Rossia 24.

Damasco invierà all'ONU i documenti per firmare l'accordo per mettere sotto tutela il proprio arsenale. Ma Assad ha sottolineato che lo smantellamento non deve essere unilaterale e che Washington deve smettere di minacciare il suo paese e di armare l'opposizione. "Sono i terroristi che tentano di provocare un attacco", ha aggiunto.

Kerry e Lavrov, incontro a Ginevra

Serghei Lavrov è giunto giovedì a Ginevra per incontrarsi con il suo omologo statunitense John Kerry. Il ministro degli esteri russo e il segretario di Stato americano discuteranno su un piano di sequestro internazionale dell'arsenale chimico del regime siriano.

Secondo alcune fonti, Kerry insisterà per ottenere impegni rapidi e concreti da parte di Damasco. Se gli Stati Uniti accetteranno il piano di smantellamento, una risoluzione del Consiglio di sicurezza dell'ONU dovrà avallare l'accordo. I due ministri sono accompagnati da esperti di armamenti.

Red.MM


Condividi