(KEYSTONE)

"Cento franchi sono un prezzo equo"

Scende in campo il comitato favorevole all'aumento del prezzo del contrassegno autostradale

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Un aumento di 17 centesimi al giorno del prezzo del contrassegno autostradale è equo, ha sostenuto oggi, venerdì, a Berna il comitato favorevole alla modifica di legge su cui il popolo si pronuncerà il 24 novembre.

Le entrate supplementari, secondo i sostenitori, saranno utilizzate per costruire circonvallazioni, aumentare la sicurezza delle strade e diminuire l'inquinamento fonico, tutte cose da cui la popolazione trarrà beneficio. L'ultimo rincaro risale a quasi 20 anni fa, ha ricordato la consigliera nazionale socialista Edith Graf-Litscher, ma nel frattempo è aumentata la mobilità e con essa il bisogno di risorse finanziarie.

Gli utenti dei trasporti pubblici sono stati sempre più chiamati alla cassa, non così quelli della strada, ha detto il presidente del Governo di Basilea Città, l'ecologista Guy Morin. Cento franchi, se guardiamo ai paesi vicini, rimangono un costo onesto, ha concluso la consigliera di Stato bernese Barbara Egger-Jenzer.

ATS/pon


Condividi