Guy Parmelin nel corso della cerimonia di scioglimento
Guy Parmelin nel corso della cerimonia di scioglimento (RSI)

Addio alla Brigata

Sciolta l'ultima grande unità con comando in Ticino, che non sarà però abbandonato dall'esercito, assicura Parmelin

L'addio alla Brigata fanteria di montagna 9, unica trilingue in Svizzera e ultima grande unità con comando in Ticino, ha visto la partecipazione di molti graduati dell'esercito, così come consiglieri di Stato delle tre regioni linguistiche e il consigliere federale Guy Parmelin, che ha sottolineato come l'esercito non abbandonerà il cantone.

L'addio non porterà a nessuna perdita di impiego, ha sottolineato Parmelin, e nei prossimi sono previsti investimenti per 200 milioni di franchi in Ticino, dove sono presenti tre piazze d'armi.

Il consigliere federale ha ricordato che è in corso una ristrutturazione generale dell'esercito, che viene però portata avanti facendo attenzione a tutte le regioni.

CSI/Quotidiano/sf

Sciolta la brigata fanteria di montagna

Sciolta la brigata fanteria di montagna

Il Quotidiano di venerdì 15.12.2017

Condividi