Immagine d'archivio (TiPress)

Campione, processo da rifare

La Corte di Cassazione ha respinto il ricorso sulla fallibilità del casinò, confermando la sentenza in appello di Milano

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

La Corte di Cassazione italiana si è pronunciata sul fallimento del Casinò di Campione d'Italia, giudicando irricevibile il ricorso della Banca popolare di Sondrio. Lo riferiscono giovedì i media italiani.

L'istituto valtellinese, creditore della casa da gioco chiusa nel 2018, sosteneva la non fallibilità di una società che ha il Comune come socio unico. Di fatto la Corte conferma la sentenza di annullamento del fallimento pronunciata in appello a Milano e rinvia gli atti al Tribunale fallimentare di Como che dovrà pronunciarsi da capo.

I giudici lariani prima del nuovo pronunciamento dovranno valutare il piano di ristrutturazione del debito del Casinò, per valutare se ci sono margini per consentire la riapertura della casa da gioco con una gestione concordata. 

NOT/YR
Condividi