Un'occasione per nuove scoperte
Un'occasione per nuove scoperte (rsi)

Cantine aperte... parte prima

Ventunesima edizione, per la prima volta suddivisa in due fine settimana. Tocca al Sottoceneri

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

La pioggia non ha fermato gli appassionati di vino, che sabato hanno approfittato della possibilità di visitare le cantine del Sottoceneri e domenica potranno fare lo stesso. Solo quelle, perché la 21ma edizione di Cantine aperte è la prima divisa in due: l'ultimo fine settimana di maggio nel Luganese e nel Mendrisiotto mentre il primo weekend di giugno toccherà al Sopraceneri.

Due giorni dedicati alle degustazioni e alle nuove scoperte, spesso accompagnate da buon cibo e musica, ma anche all'esplorazione di tutto quanto succede dalla vigna fino alla bottiglia.

CSI 18.00 del 25.05.2019 Il servizio di Christian Gilardoni
CSI 18.00 del 25.05.2019 Il servizio di Christian Gilardoni

Tra i 50 produttori annunciatisi per la prima due giorni, ce ne è anche uno che si fregia del marchio BioSuisse per tutti i suoi vini, l'azienda agricola Bianchi di Arogno visitata da Christian Gilardoni (ascolta l'audio). La decisione di "lavorare in equilibrio con la natura senza prodotti fitosanitari di sintesi", che ha quale conseguenza una produzione leggermente ridotta, è stata presa dai genitori nel 1998 e ora portata avanti dai figli.

Cantine aperte nel Sottoceneri

Cantine aperte nel Sottoceneri

Il Quotidiano di sabato 25.05.2019

 
CSI/pon
Condividi