Genitori in difficoltà? C'è il 143

Il Telefono Amico offre supporto anche in caso di figli smartphone dipendenti. L'esperto: "Ai più piccoli massimo 10 minuti al giorno"

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Il 143 è il numero di Telefono Amico che tutti i giorni, 24 ore su 24, è all'ascolto di chi è in difficoltà e ha bisogno di sostegno. Una mano che ora viene tesa anche ai genitori che si sentono insicuri sull'utilizzo che i propri figli fanno di smartphone e social media. Il 97% dei ragazzi sopra i 12 anni infatti ne possiede uno e quasi il 70% dei bambini dai 6 ai 13 anni naviga in rete. La quarantina di volontari di Telefono Amico concluderà proprio domenica la formazione fatta in collaborazione con Swisscom.

"Rispondiamo inizialmente con un colloquio di aiuto, una cosa che i nostri volontari sanno fare molto bene - spiega ai microfoni della RSI Claudia Cattaneo, responsabile pubbliche relazioni di Telefono Amico - Lo scopo è soprattutto capire il disagio che sta dietro il genitore. Capire se c'è un uso, un abuso, ma è anche vero che dietro le paure dei genitori può esserci la non conoscenza".

Telefono amico... dei genitori

Telefono amico... dei genitori

Il Quotidiano di venerdì 17.05.2019

 

"È comunque vero - prosegue Cattaneo - che ad ogni età ci vorrebbe un limite massimo di tempo: 10 minuti al giorno per i bambini più piccoli e qualcosa in più andando avanti con l'età. In ogni caso non più di 20 ore settimanali... ma questo vale anche per gli adulti".

Il sito del Telefono Amico

QUOT/Bleff
Condividi