L'imam della moschea di Lugano Samir Radouan Jelassi
L'imam della moschea di Lugano Samir Radouan Jelassi (©Ti-Press e rsi)

"I violenti non sono l'Islam"

I musulmani riuniti in preghiera alla moschea di Lugano prendono le distanze dal terrorismo

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

I musulmani che frequentano la moschea di Lugano condividono il senso della campagna “Not in my name" (vedi correlato), lanciata dall'associazione britannica Active Change Foundation, che invita a prendere le distanze dai terroristi.

I fedeli vorrebbero essere giudicati per il loro comportamento e non per i pregiudizi che riguardano la loro religione, ha spiegato venerdì al Telegiornale l'imam Samir Radouan Jelassi  a margine della preghiera.

“La nostra posizione è contraria a qualsiasi forma di violenza”, hanno evidenziato alcuni. "Mai nel Corano viene detto uccidi o cose del genere. Se qualcuno lo fa, non rappresenta l'Islam", ha detto qualcun'altro.

Il Telegiornale/Red. MM

Dal Tg20

Condividi