I bilanci sono stati depositati il 17 maggio (©Keystone/Ti-Press/Gabriele Putzu)

"Il GdP era come una famiglia"

La testimonianza di Gregorio Schira, parte della redazione fin dal 2006

  • Ascolta
  • Stampa
  • Condividi
  • a A

"È stata un’esperienza molto lunga, l’unica che ho fatto io finora. Un’esperienza prima ancora che lavorativa di amicizia e di famiglia". A raccontarlo è Gregorio Schira, che al Giornale del Popolo ha lavorato per 12 anni, gli ultimi come caporedattore.

Martedì è arrivata la notizia del fallimento ufficiale della testata, che ha chiuso dopo 92 anni di storia. "I primi giorni dopo l’annuncio del deposito dei bilanci ho fatto fatica a tornare in redazione - ammette -. Qui ho vissuto tante esperienze, tanti momenti di difficoltà, tantissimi momenti belli, per cui arrivare a questa fine mi fa male".

I messaggi di speranza, tuttavia, non mancano. "Un bambino mi ha chiesto 'Gregorio è vero che sei senza lavoro?', ho risposto di sì e lui mi ha detto 'dai, sono cose che succedono, ne troverai un altro'. Era un bambino delle elementari, mi sono commosso", racconta Schira.

CSI/eb

GdP, la direzione aveva un piano

GdP, la direzione aveva un piano

Il Quotidiano di mercoledì 06.06.2018

Condividi