Niente piano regolatore
Niente piano regolatore (©Ti-Press)

Il Governo fucila Via Tatti

Sgomento del Municipio di Bellinzona: "Siamo sorpresi e contrariati per la decisione"

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Il Governo non ha messo alcun regalo sotto l'albero di Natale della capitale Bellinzona. Anzi. Il Consiglio di Stato ha bocciato la nuova pianificazione urbanistica di Via Tatti, frutto di una decina d'anni di lavoro congiunto con i servizi cantonali per dare alla Turrita un viale d'entrata da e per Monte Carasso, parallelamente alla realizzazione del nuovo semisvincolo autostradale. Il Municipio cittadino si dice è sgomento per la decisione. "Siamo sorpresi e contrariati — si legge nel comunicato diffuso oggi, martedì — questa scelta mette in dubbio altre pianificazioni attese da tempo, non solo nella nostra città".

"Il Consiglio di Stato contraddice il lavoro di concerto fatto con le autorità e tarpa le ali allo sviluppo e alla creazione di posti di lavoro in una zona centrale – già densamente popolata ed edificata – che, con l’imminente arrivo di AlpTransit, aspira al rilancio economico per assicurare la propria autonomia finanziaria".

Ma non solo. L'Esecutivo del comune, che a breve confluirà in una nuova entità fondendo l'agglomerato, chiede "che il Cantone faccia quanto di sua competenza per permettere una moderna pianificazione urbanistica, preservando i comparti liberi al loro esterno".

px/Diem

Dal Quotidiano:

Il Cantone blocca via Tatti

Il Cantone blocca via Tatti

Il Quotidiano di martedì 29.12.2015

Condividi