L'ultima assemblea generale della CORSI, del 30 maggio scorso
L'ultima assemblea generale della CORSI, del 30 maggio scorso (Ti-Press)

La CORSI in assemblea

Si è svolta sabato pomeriggio. In evidenza il rinnovo del Consiglio regionale della Società cooperativa per la radiotelevisione

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Si è svolta sabato pomeriggio, all'auditorio Stelio Molo della RSI a Lugano-Besso, l'assemblea dei soci della Società cooperativa per la radiotelevisione svizzera di lingua italiana (CORSI). Circa 220 i soci presenti per 370 voti rappresentati su circa 2'600 soci.

In evidenza, all'ordine del giorno, il rinnovo del Consiglio regionale della società cooperativa, che conta 25 membri: 20 designati dall'assemblea, 4 dal Consiglio di Stato ticinese e uno dal Governo retico. Erano 3 i dimissionari, fra i quali anche l'ex sindaco di Lugano Giorgio Giudici, che ha così lasciato anche il comitato ristretto del consiglio, composto da 7 membri.

Essendo risultata tacita l'elezione dei due rappresentanti dei Grigioni, da assegnare restavano altri 18 mandati. Sono stati così designati (qui in ordine decrescente secondo il numero di voti ottenuti) Luigi Pedrazzini, Giacomo Garzoli, Natalia Micocci Ferrara, Andrea Giudici, Corrado Barenco, Anna Biscossa, Umberto Gatti, Oscar Mazzoleni, Françoise Gehring, Michele Rossi, Michele Foletti, Giorgio Krüsi, Germano Mattei, Antoine Casabianca, Nello Broggini, Luigi Mattei, Paolo Sanvido e Matteo Ferrari.

Durante l'assemblea, il presidente del Consiglio regionale Luigi Pedrazzini ha esortato a sostenere la revisione della Legge federale sulla radiotelevisione (LRTV), in votazione popolare il prossimo 14 giugno, qualificando una possibile vittoria dei "no" come una prospettiva disastrosa per la RSI e per la Svizzera italiana.

 

Quot/Red.MM

Dal Quotidiano:

Condividi