La politica non molla la LIA

Sulla LIA non è detta l’ultima parola. I partiti e le associazioni che hanno fortemente voluto la legge sulle imprese artigianali hanno deciso di cercare correttivi per salvarne il principio e adattarla al diritto federale. Mercoledì mattina a Bellinzona, l'incontro, a cui erano presenti i rappresentanti degli artigiani e dei partiti, si è protratto per oltre un'ora. Sono coscienti che lo spazio di manovra sia limitato, ma non del tutto assente. Intanto - precisa il presidente dell’Unione associazioni dell’edilizia Piergiorgio Rossi - rimane ancora aperta la possibilità di ricorrere al Tribunale Federale contro l’ultima sentenza del Tribunale amministrativo cantonale.
Condividi