Frode e riciclaggio per il Latina calcio, con società fantasma in Svizzera (ansa)

Latina calcio: 13 arresti

Vasta operazione tra Roma, Latina e Lugano, per una presunta evasione fiscale di 200 milioni di euro

lunedì 16/04/18 18:21 - ultimo aggiornamento: lunedì 16/04/18 18:31

Gli inquirenti italiani hanno eseguito lunedì una vasta operazione tra Roma e Latina - con una pista luganese - nei confronti di una presunta associazione per delinquere finalizzata ad imponenti frodi fiscali e al conseguente riciclaggio. L'ordinanza di custodia cautelare in carcere riguarda 13 commercialisti e imprenditori.

L'accusa è di associazione a delinquere finalizzata al riciclaggio aggravato dalla transnazionalità, al trasferimento fraudolento di valori, alla bancarotta fraudolenta e a reati tributari e societari. Al centro delle indagini v'è l'ex presidente del Latina calcio Pasquale Maietta.

L'indagine ha permesso di scoprire l'esistenza di società fantasma, quattro in territorio svizzero e altrettante a Latina. L'organizzazione aveva messo in piedi un sistema di frode con fatture per operazioni inesistenti che ha generato un'evasione fiscale di 200 milioni di euro. 

Il sofisticato sistema di riciclaggio del denaro accumulato è stato invece ricostruito dalla squadra mobile indagando, attraverso due rogatorie internazionali, su quattro società anonime con sede a Lugano e una fiduciaria svizzera.

ansa/joe.p.