Simone Gianini e Mario Branda durante l'insediamento del Municipio
Simone Gianini e Mario Branda durante l'insediamento del Municipio (TI-Press)

Lega-UDC non scelgono “il meno peggio”

In vista del ballottaggio a Bellinzona i due partiti di destra non si schierano: "PLR artefice degli scandali e PS fondamentale nella loro copertura"

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Lega dei Ticinesi e UDC, uscite rafforzate dalle elezioni comunali del 18 aprile, non intendono scegliere "il meno peggio" fra Mario Branda e Simone Gianini, che il 16 maggio si contenderanno la poltrona di sindaco della capitale cantonale.

Durante l'ultima legislatura, si legge in un comunicato, il PLR è stato "l'artefice degli scandali" e il PS è stato "fondamentale nella loro copertura".

Una poltrona per due - Europa e il

Una poltrona per due - Europa e il "fattore Cassis" - Dipendenze vecchie e nuove

Dibattito su un tema di attualità, che può essere regionale, nazionale o internazionale

 

 

Prima delle due formazioni di destra, che in Città si presentano unite, si erano pronunciati il PPD, che lascia libertà di voto, l'MpS, che invita a disertare le urne, Verdi e Forum Alternativo entrambi favorevoli a Branda.

pon
Condividi