La banda prese di mira la ditta di Chiasso nella notte tra il 25 e il 26 febbraio 2018 (Ti-Press / Pablo Gianinazzi)

Loomis: nuova estradizione

Giunto in Ticino un altro componente della banda che nel febbraio del 2018 tentò il colpo alla ditta di Chiasso

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Nuova estradizione per il tentato furto alla Loomis. Martedì è giunto alla Farera un altro componente della banda che nella notte tra il 25 e il 26 febbraio 2018 prese di mira la ditta di Chiasso, attiva nel trasporto e nella custodia di denaro o preziosi.

L’uomo, un cittadino italiano, è colui che fornì i disturbatori di frequenza, con i quali il gruppetto entrato in azione avrebbe dovuto disattivare il sistema di allarme. L’imputato, già sentito dagli inquirenti ticinesi, ha ammesso di avere venduto le apparecchiature in questione.

La sua estradizione è la sesta nel giro di poche settimane. Tre connazionali erano stati consegnati prima di Natale. Altri due (pure residenti in provincia di Foggia) li avevano raggiunti in gennaio.

Francesco Lepori
Condividi