Mafia, "attenti alla sindrome NIMBY"

  • Stampa
  • Condividi
  • a A
Di fronte al fenomeno mafioso, "fate attenzione alla sindrome di NIMBY, 'not in my backyard', non nel mio cortile. Una sindrome che fino a poco tempo fa esisteva anche nel Nord Italia". L'avvertimento arriva dalla magistrata italiana della Direzione distrettuale antimafia (DDA) di Milano, Alessandra Cerreti, intervenuta giovedì al primo convegno dell’Osservatorio ticinese sulla criminalità organizzata (O-TiCO) organizzato all'USI. La Svizzera, allo stesso modo "è un territorio di molto interessante, dove le nostre mafie investono terribilmente", ha aggiunto Cerreti.
Condividi