Il parcheggio per stimolare il car pooling tra i frontalieri realizzato a Bizzarone
Il parcheggio per stimolare il car pooling tra i frontalieri realizzato a Bizzarone (©Ti-Press/Francesca Agosta)

Meno auto in strada, si può

Mobalt a Mendrisio ha dato buoni risultati. Ora il progetto si estende

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Il progetto Mobalt, per una mobilità alternativa all'auto, esce alla sua fase di test e diventa realtà che si estenderà a tutto il Ticino. Il sistema, che interviene in particolare sui percorsi casa-lavoro, nei suoi primi tre mesi di applicazione sperimentale a Mendrisio ha dato buoni risultati coinvolgendo sette aziende, l’amministrazione comunale e l’Accademia di architettura. Ora l'obiettivo è quello di coinvolgere il più possibile altre ditte e comuni soprattutto in altre zone sensibili del cantone, con la creazione di centrali di mobilità in grado di indirizzare gli utenti verso mezzi di spostamento alternativi all'auto privata.

Nei primi tre mesi di sperimentazione Mobalt ha coinvolto 350 persone, il 10% del personale delle aziende partecipanti. Persone che hanno aderito usando i mezzi alternativi all' auto. Grande successo hanno avuto le navette messe a disposizioni dalle aziende e anche la condivisione del mezzo. Poco usato invece il trasporto pubblico.

Ora si spera che Mobalt (basato su un’applicazione per smartphone, un gruppo Facebook e la consulenza di esperti) riesca a raggiungere lo stesso risultato su scala più ampia, andando a contribuire al decongestionamento delle strade e al miglioramento della qualità dell’aria e della vivibilità del Ticino.

Diem/CSI/Quot

Dal Quotidiano

Un modello di mobilità

Un modello di mobilità

Il Quotidiano di martedì 08.03.2016

La mobilità in Ticino - con particolare attenzione al pendolarismo e, soprattutto, alla tassa di collegamento sulla quale i cittadini ticinesi voteranno il 5 giugno - sarà al centro della puntata di Patti chiari di venerdì 11 marzo. Ospite in studio il direttore del Dipartimento del territorio Claudio Zali.

Per saperne di più: due puntate di Falò sulla tematica

Condividi