Immagine d'archivio
Immagine d'archivio (TiPress)

Meno frontalieri in Ticino

Nel secondo trimestre del 2020 si è registrato un calo dello 0,8% rispetto al precedente. Aumento dell'1,8% in confronto al 2019

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Il numero di frontalieri stranieri con un permesso G attivi in Ticino era pari a circa 67’311 alla fine di giugno, con una variazione dello 0,8% in meno rispetto al trimestre precedente. Invece, rispetto allo stesso trimestre dell’anno scorso, vi è stato un incremento dell’1,8%. Lo indica martedì l’Ufficio federale di statistica.

A livello nazionale, i frontalieri registrati nel secondo trimestre 2020 erano 332'000, di cui poco più della metà domiciliati in Francia (55,2%), mentre il 23,0% e il 18,4% rispettivamente in Italia e in Germania.

I dati pubblicati sono però soggetti a delle possibili correzioni nel terzo trimestre: la crisi legata al coronavirus potrebbe aver portato alla chiusura di aziende con conseguente perdita di posti lavoro che figurano ancora registrati nel sistema centrale.

Leggero calo dei frontalieri

Leggero calo dei frontalieri

Il Quotidiano di martedì 04.08.2020

 
YR
Condividi