Morìa di pesci a Brusio

Ignote le cause che hanno ucciso un centinaio di animali nel fiume Poschiavino, tra l'impianto di depurazione e il confine

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Un centinaio di pesci morti sono stati rinvenuti giovedì 8 e venerdì 9 agosto nel fiume Poschiavino, nei pressi di Brusio. Il ritrovamento è di un pescatore, che ha informato il guardiapesca cantonale. Il  caso è stato reso noto lunedì dalle autorità retiche.

I pesci morti nel fiume Poschiavino rinvenuti nei giorni scorsi
I pesci morti nel fiume Poschiavino rinvenuti nei giorni scorsi (Mediendienst Standeskanzlei GR)

La fauna ittica senza vita si trovava su un tratto del fiume lungo circa un chilometro tra l’afflusso dell’impianto di depurazione delle acque di Brusio e il confine con l’Italia. La polizia cantonale grigionese ha avviato le indagini, sporgendo denuncia contro ignoti.

La moria dei pesci è ancora ignota e non è da escludere che vi sia un nesso con l’impianto di depurazione di Brusio. La situazione è monitorata anche dall’Ufficio cantonale per la natura e l’ambiente. Le autorità competenti italiane, dal canto loro, non hanno rinvenuto altri pesci morti lungo il fiume Poschiavino.

Brusio, pesci morti nel fiume

Brusio, pesci morti nel fiume

Il Quotidiano di lunedì 12.08.2019

 
 
EnCa
Condividi