Morto Ervino Müller

Il Ticino degli sport invernali perde uno dei suoi pionieri

Il mondo ticinese della neve ha perso uno dei suoi pionieri: Ervino Müller è deceduto martedì a 92 anni. Da sempre appassionato sportivo, fu uno dei primi sciatori di successo della Svizzera italiana. Per 28 volte campione ticinese in slalom, gigante, discesa e combinata tra il 1952 e il 1963, conquistò anche il titolo di svizzero seniori in speciale e gigante.

Il suo nome resterà indissolubilmente legato allo sviluppo della stazione sciistica di Airolo che ha gestito per oltre 30 anni, alla locale scuola di sci diretta dal 1960 al 1968 e allo sci club. Negli anni '70 assunse pure la funzione di direttore tecnico dell'Associazione ticinese dei maestri svizzeri di sci.

Per numerosi anni Ervino Müller fu uno dei principali animatori dei campi di sci alto leventinesi che, prima dell'avvento degli impianti di risalita e dei gatti delle nevi, venivano preparati risalendo i pendii a scaletta, poi grazie alla slittovia realizzata nel 1939 e, in seguito, con rulli condotti a mano. Un'epoca della quale ha mantenuto la memoria narrando le mille avventure vissute prima e dopo la creazione del primo sci-lift di Lüina nel 1950.

Diem
Condividi