Anche le anatre selvatiche rientrano tra gli animali a cui non si deve dare cibo (Ti-Press)

"Non foraggiate gli animali"

La raccomandazione è delle autorità ticinesi, che ricordano come dare cibo a selvaggina e uccelli selvatici sia nocivo oltre che vietato

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Gli animali selvatici non vanno nutriti durante l’inverno. La raccomandazione arriva direttamente dal cantone, che venerdì ha precisato come il foraggiamento da parte dell’uomo sia contro natura possa rivelarsi persino nocivo.

Infatti nella nota il Dipartimento del territorio (DT) e il Dipartimento sanità e socialità (DSS) evidenziano come durante la stagione fredda questi animali riducano metabolismo e ritmo cardiaco e, nei ruminanti, cala pure il volume dello stomaco. Federico Tettamanti, collaboratore scientifico dell’Ufficio Caccia e Pesca cantonale, ricorda che se offriamo pane secco o altre cibarie, "il loro corpo entra in modalità primavera/estate" anche se siamo ancora in inverno, il che "potrebbe causare un problema".

Tale circostanza non vale solo per la selvaggina, precisa Tettamanti, ma anche per gli uccelli, con particolare riferimento "a cigni, anatre o anche piccioni", per i quali vale sempre la regola che non vanno foraggiati anche quando fa freddo.

Del resto, l’intervento dell’uomo sotto forma di cibo derivante da scarti di cucina è vietato dall’Ordinanza sulle epizoozie e può provocare disturbi gastrointestinali. Senza contare che così le bestiole si abituano alle persone, entrano nei nuclei abitati e si espongono a pericoli gravi come strade trafficate o recinzioni di vario genere. In merito a queste ultime, poi, le autorità cantonali segnalano come sia "opportuno demarcare le recinzioni pericolose con fettucce colorate".

CSI/EnCa
Condividi