Luca Marcellini parlerà venerdì (© Ti-Press / Alessandro Crinari)

"Non fu assassinio"

La difesa di Michele Egli contesta l'imputazione, non ci fu premeditazione

giovedì 17/05/18 18:16 - ultimo aggiornamento: giovedì 17/05/18 20:36

Michele Egli è reo confesso dell'uccisione di Nadia Arcudi. La difesa ha iniziato quindi giovedì con il contestare la qualifica giuridica del reato. La procura accusa l'imputato di assassinio, ma per l'avvocata Maria Galliani, che ha parlato nel pomeriggio, si trattò invece di un omicidio intenzionale. "Il comportamento prima, durante e dopo il fatto è stato quello di un omicida", ha sostenuto.

Egli, ha precisato, non ha una personalità fredda, egoista e senza scrupoli. E nemmeno fu un reato pianificato. Venerdì mattina parlerà il secondo legale, Luca Marcellini, che si concentrerà sulla commisurazione della pena. Il ministero pubblico Pamela Pedretti, lo ricordiamo, ha chiesto per l'accusato il carcere a vita.

CSI/pon

Il Quotidiano di giovedì 17.05.2018  

 

Seguici con