Norman Gobbi, direttore DI
Norman Gobbi, direttore DI (© Ti-Press)

Permessi falsi: un altro indagato

Si allarga l'inchiesta. Ora siamo a nove persone coinvolte: l'ultima è un 44enne italo-svizzero della Riviera

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Si allarga ancora l' inchiesta nell’ambito dello scandalo dei permessi falsi, che ha travolto l’ufficio ticinese della migrazione. E gli indagati ora sono nove.

Stamane abbiamo riferito del fermo di due persone: un 24enne svizzero della Riviera e una 49enne anche svizzera domiciliata nel Bellinzonese.  Entrambi sono stati denunciati a piede libero con l'ipotesi di reato di violazione del segreto d'ufficio.

E oggi pomeriggio il ministero pubblico segnala che, nell'ambito dell'inchiesta aperta lunedì nei confronti dell'impiegata 49enne, è stata promossa l'accusa per ripetuta istigazione alla violazione del segreto d'ufficio nei riguardi di un 44enne, non dipendente dello Stato. L'uomo è cittadino sia svizzero che italiano ed è residente in Riviera.

In seguito all'indagine in corso, il Governo ha preso delle contromisure: un audit ed un gruppo di lavoro, presentate oggi in conferenza stampa a Palazzo delle Orsoline.

L’inchiesta penale - ricordiamo - è coordinata dal procuratore pubblico Antonio Perugini.

joe.p.

Dal Quotidiano:

Permessi falsi, 9 gli indagati

Permessi falsi, 9 gli indagati

Il Quotidiano di martedì 14.02.2017

Dal TG20:

Condividi