Una rissa al Vanilla che, lo scorso 29 ottobre, sfociò in un accoltellamento
Una rissa al Vanilla che, lo scorso 29 ottobre, sfociò in un accoltellamento (©Ti-Press/Gabriele Putzu)

Picchiatori a processo

Rinviati a giudizio tre giovani del Locarnese per i pestaggi al Vanilla e a Losone. Rischiano fino a 5 anni

Compariranno presto alla sbarra due dei tre protagonisti della rissa che il 29 ottobre scorso, al Vanilla di Riazzino, sfociò nell’accoltellamento di un 18enne d’origine bulgara. Contro di loro la procuratrice capo Chiara Borelli ha infatti firmato l’atto d’accusa.

Si tratta di un 21enne e di un portoghese di 31 anni, entrambi del Locarnese, che vennero arrestati il mese successivo in relazione a un episodio antecedente: la scazzottata avvenuta il 26 agosto 2017 al parco del Merige, a Losone, durante un "goa party". Con loro c’era una terza persona, un 25enne nato in Ticino e residente in Croazia, che Borelli ha rinviato a giudizio assieme ai due.

Aggressione l’accusa ipotizzata per il pestaggio di Losone; rissa quella legata ai fatti del Vanilla. Il 25enne dovrà rispondere anche di un traffico di marijuana. Il 21enne dello spaccio di erba e cocaina. Il 31enne delle minacce e delle lesioni inferte all’allora convivente, che nel 2013 ferì con l’accendisigari dell’auto.

E questo per restare alle imputazioni principali. Il terzetto, tuttora dietro le sbarre, rischia una pena fino a cinque anni di carcere.

Francesco Lepori

 

Presto a processo

Presto a processo

Il Quotidiano di mercoledì 13.06.2018

Condividi