A ognuno il suo spazio (keystone)

Spazi distinti tra bici e pedoni

L'Associazione traffico e ambiente propone alcune soluzioni per una maggiore sicurezza tra utenti nelle zone a traffico misto

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

L’Associazione traffico e ambiente ha presentato alcune soluzioni per una maggiore sicurezza per pedoni e ciclisti. Non è infatti raro vedere i secondi sfrecciare sui marciapiedi cittadini, cogliendo di sorpresa chi si sposta a piedi. Il pericolo è lo scontro, da evitare a ogni costo. In alcune zone la convivenza risulta difficoltosa, spesso a causa di una segnaletica poco chiara o per la mancanza di piste ciclabili vere e proprie.

“Ancora troppo spesso si creano zone a traffico misto poco sicure e a volte non ammesse dalla legislazione” ha spiegato Bruno Storni, il presidente della sezione della Svizzera italiana.

Secondo il documento che l'ATA ha presentato a Comuni, Cantone e alle Commissioni regionali, le zone a traffico misto "potrebbero entrare in linea di conto solo nel caso vengano rispettati alcuni criteri, come una differenza minima nella velocità tra biciclette e pedoni, una segnaletica chiara e la visuale libera da ostacoli". L’ATA inoltre suggerisce una maggior sensibilizzazione, finalizzata ad adottare comportamenti rispettosi tra i vari utenti. Per l’Associazione occorrono regole più chiare anche per le e-bike (fino a 45 km/h), i segway, gli scooter e gli skateboard elettrici e gli hoverboard che oggi viaggiano troppo spesso sui marciapiedi.

L'ATA dice no al traffico misto

L'ATA dice no al traffico misto

Il Quotidiano di mercoledì 12.06.2019

 

Swing

Condividi