Migliaia di ticinesi non godono del diritto a vivere in un ambiente senza rumori eccessivi
Migliaia di ticinesi non godono del diritto a vivere in un ambiente senza rumori eccessivi (©Ti-Press/Pablo Gianinazzi)

Strade, rumore da bloccare

Pronti 31 progetti per risanare la situazione nel Locarnese e Bellinzonese

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Il Ticino, dopo aver accumulato anni di ritardo, sta avanzando a tappe forzate verso la tutela di quel gran numero di residenti esposto a rumori eccessivi lungo 350 chilometri di strade cantonali e 70 di arterie comunali. Il risanamento completo, stando all’ordinanza federale, dovrà concludersi entro il 31 marzo 2018.

Ai progetti riguardanti il Mendrisiotto presentati a gennaio (cfr. il primo articolo correlato), ora, rende noto il Dipartimento del territorio, se ne aggiungono altri 31 riguardanti gli agglomerati del Locarnese e del Bellinzonese. I dettagli saranno presentati il 16 marzo prossimo alle autorità dei26 Comuni toccati. Gli interventi spaziano dalla moderazione del traffico alla costruzione di ripari, passando per pavimentazioni fonoassorbenti e riduzione della velocità.

L’incontro informativo per l’agglomerato del Luganese si terrà nei prossimi mesi. Complessivamente si prevede l’elaborazione di 108 progetti per i 77 Comuni interessati.

Diem

I 26 comuni toccati

I 31 progetti riguardanti Locarnese e Bellinzonese toccano i territori di: Arbedo-Castione, Ascona, Avegno-Gordevio, Bellinzona, Brissago, Camorino, Cadenazzo, Cugnasco-Gerra, Gambarogno, Giubiasco, Gordola, Gorduno, Gudo, Lavertezzo, Locarno, Losone, Lumino, Maggia, Minusio, Monte Carasso, Muralto, Ronco sopra Ascona, Sant’Antonino, Sementina, Tenero-Contra e Terre di Pedemonte. Saranno pubblicati e consultabili a partire dal 16 marzo su www.ti.ch/rumore e www.oasi.ti.ch/web/catasti/esposizione-rumore-stradale.html

 

dal Quotidiano del

Condividi