USS, Marina Carobbio rinuncia

La consigliera nazionale non sarà candidata alla presidenza dell’Unione sindacale svizzera ma si ripresenterà alle federali

Marina Carobbio rinuncia a candidarsi alla testa dell’Unione sindacale svizzera (USS). "È stata una decisione difficile", ha dichiarato venerdì a La Regione, e motivata da ragioni "personali e istituzionali".

PP 12.00 del 14.09.18: le spiegazioni di Marina Carobbio
PP 12.00 del 14.09.18: le spiegazioni di Marina Carobbio
 

La consigliera nazionale vuole infatti concentrarsi sulla sua attività parlamentare. L’anno prossimo dovrebbe accedere alla presidenza della Camera del popolo e ha annunciato di volersi ripresentare alle elezioni federali del 2019.

La successione dell'attuale presidente dimissionario Paul Rechsteiner a capo della maggiore confederazione sindacale elvetica sarà decisa dal Congresso dell'USS il prossimo primo di dicembre. "A parità di competenze è importante che venga nominata una donna", ha dichiarato l’esponente ticinese del partito socialista.

 
sulma
Condividi