Le procedure sono state più volte criticate dal Tribunale amministrativo cantonale (Ti-Press)

Vigilanza parlamentare sui permessi

Il Gran Consiglio per ulteriori approfondimenti sulle procedure di rilascio e rinnovo in Ticino

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Il Gran Consiglio ticinese vuole vederci più chiaro sulle procedure di rilascio e rinnovo dei permessi per stranieri. La Commissione della Gestione ha quindi deciso oggi (martedì) di procedere con l'Alta vigilanza parlamentare.

Un compito - quello dell'Alta vigilanza - che la Commissione ha costantemente. Quello però che la  maggioranza della Gestione oggi ha ritenuto necessario è analizzare più nel dettaglio le procedure della Sezione della popolazione. Procedure più volte criticate dal Tribunale amministrativo cantonale, che ha spesso cassato le risposte negative dell'Ufficio della migrazione e appoggiate dalla prima istanza, il Servizio ricorsi del Consiglio di Stato.

La prassi molto rigida del Dipartimento delle istituzioni era stata difesa dal suo direttore durante la trasmissione televisiva Falò a settembre.

La vita degli altri

La vita degli altri

di Alessandra Maffioli e Simona Bellobuono

 

Ma quanto detto alla stessa Commissione da Norman Gobbi - ha precisato il presidente, il liberale-radicale Matteo Quadranti - non ha convinto tutti i membri della Gestione. Ecco perché ora si procederà con ulteriori approfondimenti, non solo sull'operato della Sezione della popolazione - sentendo anche altri attori che lo avevano criticato, come i sindacati o la Camera di commercio - ma anche su quello del Servizio ricorsi del Consiglio di Stato, che tende ad appoggiare le decisioni del Governo.

Approfodimenti sul caso permessi

Approfodimenti sul caso permessi

Il Quotidiano di martedì 27.10.2020

 
Amanda Pfändler
Condividi