"Anche gli studenti hanno i loro diritti"

Consiglio cantonale dei giovani "boccia" gli insegnanti

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

La decisione dei docenti di manifestare contro le misure di risparmio decise dal Governo ticinese attraverso la sospensione delle gite scolastiche o la limitazione dei colloqui con i genitori, non trova il consenso del Consiglio cantonale dei giovani.

"Non è giusto infierire sugli studenti, su chi non ha colpa", afferma Giorgio Tresoldi, membro del comitato dell'organizzazione giovanile, "noi non c'entriamo nulla nello scontro tra dipendenti dello Stato e Governo".

"Anche noi abbiamo i nostri diritti, non solo i docenti", afferma ancora Tresoldi che aggiunge "chiediamo che tutti gli insegnanti interrompano le misure di protesta poiché sono a sfavore dell'educazione degli studenti".

Leggi anche:

Condividi