Una ripresa aerea di Gorgona nel documentario "Isola" (RSI)

Il paradiso dei reclusi

A Nyon presentata la coproduzione RSI "Isola", un documentario girato sull'isola carceraria di Gorgona

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Tra le opere incluse nel programma di Visions du Réel 2019 a Nyon ci sono anche due coproduzioni della RSI.

Della prima, #Female Pleasure di Barbara Miller, molto si è detto negli ultimi mesi, anche perché si tratta del documentario svizzero di maggior successo dell'annata, con circa 62mila spettatori nelle sale nazionali, quasi 150mila considerando anche Germania e Austria.

Il secondo titolo è stato invece presentato in prima assoluta. Si chiama Isola, firmato dal 32enne basilese Aurelio Buchwalder e prodotto da maximage, ZHdK, SRF e RSI. Il documentario porta lo spettatore a contatto con una dimensione normalmente invisibile, quella idilliaca ma opprimente di Gorgona, l'ultima isola carceraria ancora attiva nel Mediterraneo occidentale.

I detenuti sono impiegati in attività agricole e pastorali in una natura maestosa. Le guardie carcerarie si considerano in qualche misura anch'esse recluse, perché ogni volta che c'è mare grosso i trasporti verso la terra ferma vengono sospesi.

Buchwalder utilizza una fotografia onirica e un apparato di suoni aspro e mistico, con il risultato affascinante di riuscire a delineare un vero e proprio paradiso amaro.

MZ
Condividi