Caldo, molto caldo, ma meno del 2016
Caldo, molto caldo, ma meno del 2016 (Keystone)

Il 2017? Non è da primato

L'anno che sta per concludersi non ha superato il 2016, dal punto di vista degli effetti dei cambiamenti climatici

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Dopo tre anni consecutivi di primati, la rapida tendenza al rialzo delle temperature globali — nel 2017 — sembra si sia interrotta. Il 2014, 2015 e 2016 si erano superati, uno dopo l'altro: il 2016, infatti, non è stato solo l'anno più caldo da quando sono iniziate le misurazioni, 140 anni fa, ma ha anche segnato il più alto aumento del livello del mare e l'aumento più rapido di anidride carbonica (CO2) immessa nell'atmosfera.

Il 2017, probabilmente, non lascerà il segno con un nuovo primato sull'aumento della temperatura e dovrà "accontentarsi" di un secondo posto assoluto subito dopo il 2016, stando ai dati dell'Organizzazione meteorologica mondiale (WMO) e l'agenzia per il clima degli Stati Uniti. Questo anche perché non ha potuto contare sugli effetti di El Niño, il fenomeno naturale che ciclicamente provoca il riscaldamento delle acque dell’Oceano Pacifico, al contrario di quanto successo negli anni passati.

La temperatura media sulla terraferma e sulle superfici oceaniche del nostro pianeta, da gennaio a ottobre, è stata di 0,86 gradi al di sopra della media del XX secolo (14,1° C), secondo quanto riportato a metà novembre dall'Amministrazione nazionale oceanica e atmosferica di Washington.

INTERATTIVO
Le temperature medie mensili da gennaio a dicembre misurate in Svizzera dal 1864 (Clicca e APRI L'INTERATTIVO IN UNA NUOVA FINESTRA a pieno schermo).

L'intervallo tra il 2013 e il 2017 sarà probabilmente anche il periodo quinquennale più caldo dall'inizio delle misurazioni. Secondo i ricercatori, la leggera tendenza al ribasso delle temperature è dovuta principalmente all'influenza del fenomeno climatico di La Niña, che ha sostituito il precedente El Niño e raffredda le acque superficiali del Pacifico orientale.

Il World Weather Organization, ha riportato che quest'anno "abbiamo assistito a condizioni meteorologiche straordinarie", ha detto Petteri Taalas, capo del WMO. "Tra cui temperature di oltre 50 gradi in Asia, uragani da record in rapida successione nei Caraibi e nell'Atlantico che hanno raggiunto l'Irlanda, inondazioni monsoniche devastanti che hanno colpito milioni di persone e una lunga siccità nell'Africa orientale. Molti di questi eventi meteorologici hanno di per sé i segni infidi del cambiamento climatico".

Gli scienziati del clima sono inoltre preoccupati per la riduzione della copertura ghiacciata nell'Artico e in Antartide, come sottolinea il Segretario generale della Convenzione quadro delle Nazioni unite sui cambiamenti climatici: "Le ricerche sottolineano il rischio per le persone, l'economia e l'intera struttura della vita sulla terra, se non riusciamo a lavorare verso gli obiettivi e le ambizioni dell'accordo di Parigi sul clima".

SRF/px

Per saperne di più: www.rsi.ch/piutregradi

Condividi