La National Problem Gambling Clinic darà sostegno a giocatori fra i 13 e i 25 anni d'età
La National Problem Gambling Clinic darà sostegno a giocatori fra i 13 e i 25 anni d'età (kerystone)

Una clinica contro l'azzardo

Il Regno Unito aprirà a breve la sua prima struttura dedicata ai giovanissimi con problemi di dipendenza dal gioco

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Il sistema sanitario nazionale britannico è pronto ad aprire nel prossimo futuro la sua prima clinica destinata a curare il dilagante fenomeno della dipendenza dal gioco d'azzardo fra i giovani e i giovanissimi.

La National Problem Gambling Clinic si occuperà di dare sostegno a giocatori in erba di età compresa fra i 13 e i 25 anni, nell'ambito di un più vasto progetto contro questo tipo di dipendenza che prevede a lungo termine l'apertura di 14 strutture fra cliniche e ambulatori ad hoc nella sola Inghilterra.

L'annuncio ha avuto il plauso dei genitori di alcuni ragazzi coinvolti dal demone del gioco e sentiti dalla BBC, come ad esempio Liz e Charlie Ritchie, il cui figlio Jack iniziò con le scommesse investendo la paghetta quando non aveva neppure 17 anni e a 24 si tolse la vita. "Iniziò credendo che fosse solo un divertimento e alla fine realizzò che il gioco aveva preso il controllo su di lui", hanno raccontato, denunciando come i giovani britannici siano "bombardati dalla pubblicità dell'industria del gambling".

ATS/Bleff
Condividi