Un momento di serenità, sulla Grande muraglia cinese, con le figlie
Un momento di serenità, sulla Grande muraglia cinese, con le figlie (keystone)

Il dolore celato di Michelle

La moglie dell'ex presidente degli Stati Uniti ebbe un aborto spontaneo e poi concepì le figlie in vitro

Michelle Obama ha rivelato, in un’intervista concessa all’emittente televisiva ABC, d’aver avuto un aborto spontaneo 20 anni fa e d’aver quindi fatto ricorso alla fecondazione in vitro per avere le due figlie, Malia e Sasha, nate rispettivamente nel 1998 e nel 2001.

La moglie dell’ex presidente degli Stati Uniti ha ammesso d’essersi sentita sola e persa dopo l’interruzione della gravidanza, perché non sapeva quanto fosse comune quella che in termini medici viene definita una complicanza.

ANSA/dg

Condividi