17.10.202054 visualizzazioni

Superalbum

Poche settimane dopo la liberazione di Mauthausen, cadeva definitivamente il regime di Hitler: l'Europa era distrutta da anni di guerra e di terrore, milioni di morti tra soldati e civili.

Louis Häfliger, un uomo dimenticato di Fabio Calv Ogni anno la domenica più vicina al 5 maggio a Mauthausen (Austria), migliaia di ex-deportati, i loro parenti e giovani da tutta Europa rievocano la liberazione del campo di sterminio, l'ultimo dei grandi campi di annientamento dell'epoca nazista ad essere stato liberato: fra di essi una delegazione ufficiale svizzera rende omaggio a un loro concittadino, Louis Häfliger. Poche settimane dopo la liberazione di Mauthausen, cadeva definitivamente il regime di Hitler: l'Europa era distrutta da anni di guerra e di terrore, milioni di morti tra soldati e civili, 12 milioni le vittime nei 1600 e oltre campi di sterminio e di lavoro coatto sparsi nell'Europa occupata dai tedeschi. Era il 5 maggio 1945 e Louis Häfliger, delegato svizzero della Croce Rossa è a Mauthausen in missione umanitaria. Cosa fece durante quei giorni e perché la sua vicenda viene ricordata ogni anno, lo raccontiamo in un breve documentario rievocativo sulla storia di un uomo, appunto, dimenticato: Louis Häfliger.

Pagina del programma

Ultimi episodi

Più video su questo tema