Le armonie ottocentesche di Royaumont

di Giuseppe Clericetti

Nella collana dedicata ai giovani interpreti, "Harmonia Nova”", la Harmonia Mundi propone un organista, Louis-Noël Bestion de Camboulas, che sceglie di registrare un progetto intorno a un organo da salotto della seconda metà dell'Ottocento, costruito per una famiglia ginevrina e finito poi, nel 1936, nel refettorio dell'antica abbazia di Royaumont. Il programma prevede brani originali e trascrizioni da Liszt a Fauré, da Debussy a Franck e Nadia Boulanger, con quattro cantanti e strumentisti: Soleils couchants. VESPERTINO