Eric Dolphy, il marziano del jazz

di Claudio Sessa

Il nostro collaboratore Claudio Sessa è uno degli studiosi più accreditati della musica e dell’arte di Eric Dolphy. Introduciamo questa sua serie di Birdland con le note di copertina del volume che gli ha dedicato (Eric Dolphy, il marziano del jazz - Luciano Vanni Editore, 2006).

“ La sera del 27 giugno 1964 moriva a Berlino, a causa di una diabete non diagnosticato, il musicista afro-americano Eric Dolphy. Aveva appena compiuto trentasei anni.
In pochissimo tempo il aveva partecipato ad incisioni discografiche memorabili e a formazioni decisive per la storia del jazz, insieme a maestri quali John Coltrane, Charles Mingus, Ornette Coleman.
Il suo testamento artistico “Out to lunch” figura in ogni discografia indispensabile. La sua lezione di solista, compositore e polistrumentista ha influenzato profondamente i musicisti a lui contemporanei e successivi. Claudio Sessa racconta la vita e la musica di un genio assoluto, una presenza talmente forte e originale da apparire “aliena” in ogni contesto. L’enigma di un musicista che ha utilizzato e trasformato in oggetto musicale tutto ciò di cui si impossessava: il jazz moderno e quello tradizionale, la musica accademica contemporanea e quella classica, la musica indiana e quella dei pigmei africani, il canto degli uccelli e il suono delle onde”.

Tags: Birdland, Eric Dolphy, Jazz

Ora in onda Prima fila - fino alle 22.35 In onda dalle 20:05
Brani Brani in onda Who Killed Davey Moore? - Joe Locke & Raul Midon Ore 19:55