(iStock )

Wes Montgomery, chitarrista

Con Maurizio Franco

BIRDLAND
Da lunedì 12 a venerdì 16 febbraio 2018 alle 23:00

 

Quella di Wes Montgomery (1923-1968) è certamente la figura di riferimento quando si parla di chitarra jazz moderna. Un musicista che ha scritto pagine importanti della storia della musica afro-americana benché la sua sia stata una carriera relativamente breve, stroncata da un infarto a soli 45 anni.

Malgrado un importante ingaggio con Lionel Hampton tra il 1948 e il 1950, Wes non viene alla ribalta che alla fine del decennio. Era nel frattempo tornato ad Indianapolis, un lavoro di routine durante il giorno e di notte la musica, nei club della città: il 440 o la Missile Room, dove aveva potuto sviluppare la sua perizia di strumentista, in trio con i bravi fratelli Buddy e Monk. L’anno della consacrazione però è il 1959, dopo che ha già pubblicato un paio di album che non sfondano: Cannonball Adderley, in concerto ad Indianapolis, passa dal club dove Wes è di casa. Rimane folgorato dalla sua bravura e il giorno dopo lo raccomanda al produttore della Riverside. Da quel momento le cose vanno molto in fretta. Alla fine dell’anno esce un suo primo album per l’etichetta californiana seguito ad inizio 1960 da quel The Incredible Guitar of Wes Montgomery che molti reputano ancor oggi come uno dei più bei dischi di chitarra della storia del jazz. I riconoscimenti si moltiplicano, le riviste specializzate lo premiano e il successo si conferma negli anni successivi, quando si impone come “il chitarrista” jazz degli anni ’60.

Partendo dal modello di Charlie Christian, suo idolo negli anni di formazione, Montgomery ha sviluppato una tecnica e uno stile inconfondibili: fraseggio acrobatico e virtuoso ma anche molto lirico, soprattutto nelle ballads; un melodismo di assoluto equilibrio, una formidabile precisione ritmica, una tecnica del solo ad ottave o ad accordi dove non ha rivali. Grazie all’uso del pollice e non più del plettro, il suo è un sound unico, al crocevia tra lo strumento acustico e quello elettrico.

Le coproduzioni RSI a Cine Tell: L'intrusa

Seguici con