William Shakespeare (Keystone)

Sonetti

di William Shakespeare

COLPO DI POESIA
Da lunedì 30 aprile a venerdì 1. giugno 2018 alle 20:00

Scritti probabilmente fra il 1590 e i primi anni del 1600, i 154 "Sonetti di William Shakespeare" costituiscono uno dei grandi vertici della letteratura d'amore. Studiati a lungo dai critici alla ricerca di indizi sulla vita privata di un autore per molti versi ancora misterioso che indaga tutti i possibili aspetti dell’amore. Sono definiti la chiave con la quale Shakespeare è in grado di aprire qualsiasi cuore. E l’amore stesso diviene così lo strumento d’eccellenza per conoscere sé stessi, l’altro, il mondo, la poesia, la bellezza e la caducità. Sono un’opera inesauribile, tuttora fonte di dibattiti, teorie e innumerevoli interpretazioni.

I "Sonetti di William Shakespeare", sono interpretati dalla calda voce di Augusto di Bono e commentati dal prestigioso liuto di Massimo Lonardi con la regia di Claudio Laiso.

30.04.18; "Quali lacrime di Sirene devo aver bevuto"


01.05.18; "La tua crudeltà di un tempo"


02.05.18; "È meglio essere colpevole"


03.05.18; "Il diario"

 

07.05.18; "Se il mio grande amore"


08.05.18; "Ma perché reggere baldacchini"


09.05.18; "O mio amabil giovane"


10.05.18; "Un tempo il nero non era considerato bello"


11.05.18; "Quante volte mentre tu mia musica suoni"

 

14.05.18; "Sperpero di spirito"


15.05.18; "Gli occhi della mia donna"


16.05.18; "Anche se sei così, hai la stessa mia tirannia"


18.05.18; "Dannato sia quel cuore"

 

21.05.18.; "Così or che ho confessato"


22.05.18; "Ogni donna ha quel che vuole"

23.05.18; "Se l'anima ti rimprovera"

24.05.18; "Amore, pazzo cieco amore"


28.05.18; "No, non chiedermi di giustificare i torti"
29.05.18; "Sii saggia quanto sei crudele"
30.05.18; "A dire il vero io non t'amo"
31.05.18; "Amore è il mio peccato"
01.06.18; "Ascolta, qual attenta massaia"

Emergenza umanitaria, incontro pubblico con Filippo Grandi

Seguici con