(iStock )

La liberazione dei folli

Così nacque la psichiatria, di Antonello Governale e Riccardo Pettorossi

COLPO DI SCENA
Da lunedì 05 a venerdì 16 marzo 2018 alle 13:30

da un’idea del prof. Riccardo Pettorossi
Regia di Claudio Laiso
con Chicco Maggi (Charcot), Gabriele Calindri (Bleuler) Antonio Zanoletti (Pinel), e con Antonio Ballerio Giovanni Battezzato Daniele Bernardi, Luca Bottale Cecilia Broggini, Federico Caprara, Matteo Carassini, Oliviero Corbetta, Daniele Demma Alberto Mancioppi, Antonello Governale, Igor Horvat, Jasmine Mattei, Sax Nicosia, Adele Pellegatta, Silvano Piccardi, Christian Poggioni, Yannis Safai Franco Sangermano, Alessia Vicardi
Editing e sonorizzazione Angelo Sanvido
PRODUZIONE: Francesca Giorzi
(RSI 2011)

 

Eugen Bleuler, già direttore dell’ospedale psichiatrico di Rheinau, è uno dei più importanti psichiatri non solo svizzeri ma europei, colui che nel 1911 avrebbe coniato il termine di “schizofrenia” in sostituzione di “demenza precoce”. È poco conosciuto così come le sue teorie. Nel 2011 abbiamo approfittato di Riccardo Pettorossi, psichiatra professore alla scuola di specializzazione in medicina legale all’università di Milano, e di Antonello Governale, attore e direttore di doppiaggio, per raccontare questa intrigante storia ai microfoni di Rete Due in occasione di un mese particolare dove la schizofrenia sarà al centro di diverse conferenze sul territorio.

Anno 1793: il dr. Philippe Pinel libera dalle catene i folli rinchiusi nelle celle della Salpetriére di Parigi.

Esattamente 100 anni dopo il grande Charcot, nel letto di morte, lascia la propria eredità clinica al giovane Eugen Bleuler (futuro padre della schizofrenia) accompagnandolo attraverso i drammi, le vicende e i personaggi che avrebbero dato i natali alla psichiatria.

Bleuler diverrà così l’“allievo” curioso e ribelle, il “confessore” paziente, l’ascoltatore orripilato.

Ogni centesimo conta

Seguici con