Concerto OSI

OSI al LAC - OSI in Auditorio, la stagione 2021/22 con Rete Due

Dopo un anno difficoltoso, caratterizzato da concerti realizzati quasi unicamente grazie alla diretta radiofonica e videostreaming RSI e in assenza di pubblico, giovedì 30 settembre 2021 alle 20:30 riparte la Stagione concertistica dell’Orchestra della Svizzera italiana, per la prima volta “firmata” dal nuovo Direttore artistico-amministrativo Christian Weidmann. Primo evento stagionale al LAC per accogliere nuovamente il pubblico nella Sala Teatro e in Prima Fila con Rete Due. Sul palco dell’OSI in quest’occasione il suo Direttore principale Markus Poschner e per la prima volta anche il sassofonista tedesco Hugo Siegmeth.

Insieme inaugurano una stagione che si svolgerà nel segno di un ciclo intitolato Tracce, dedicato in particolare a Piotr Il'ič Čajkovskij e all’impatto che esercitò in Europa e nel mondo il suo linguaggio musicale, permeato di varie influenze culturali europee. Un’occasione per rileggere sotto nuove prospettive alcuni dei capolavori del grande maestro russo e per creare “nuovi collegamenti interpretativi o di contenuto”, capaci di “completare o sconvolgere, ma senza mai danneggiarlo, il rituale di un concerto tradizionale”.

Direttori e solisti di rinomanza internazionale si alterneranno dunque accanto all’OSI dal 30 settembre 2021 al 28 aprile 2022 per proporre 10 concerti al LAC e 4 concerti all’Auditorio Stelio Molo RSI.

 

Rete Due diffonderà i concerti in diretta radiofonica dalle 20:30.

I quattro concerti OSI in AUDITORIO (13, 20, 27 gennaio e 3 febbraio 2022), verranno diffusi anche in videostreaming su rsi.ch/live-streaming.

La RSI, in qualità di partner principale, siglerà 8 programmi con il marchio dei CONCERTI RSI.

 

OSI al LAC

I primi 5 appuntamenti del 2021 (30 settembre, 21 ottobre, 11 e 25 novembre, 9 dicembre) vedranno alternarsi artisti di caratura internazionale come i direttori Markus Poschner, François Leleux e Robert Trevino (per la prima volta a dirigere l’OSI), e i solisti Hugo Siegmeth (sassofono), Sergey Krylov e Christian Tetzlaff (violini). Giovedì 21 ottobre l’OSI sarà inoltre affiancata dall’Orchestra sinfonica del Conservatorio della Svizzera italiana per dare vita al grande, dirompente rito sacro pagano del Sacre du Printemps di Stravinsky, che non si era potuto proporre durante la scorsa Stagione.

Dal 10 febbraio 2022 saliranno poi sul palco del LAC rispettivamente il pianista Jan Lisiecki (10.02), il violoncellista Kian Soltani (24.02), i pianisti Dejan Lazic (17.03) e Francesco Piemontesi (28.04). Sul podio, per questa seconda parte di stagione al LAC, tornerà poi a grande richiesta anche il direttore Krzysztof Urbański (24.02 e 17.03)

 

OSI in AUDITORIO

Dal 13 gennaio al 3 febbraio 2022 l’Orchestra si esprimerà sul palco dell’Auditorio Stelio Molo RSI di Lugano per la stagione OSI IN AUDITORIO proposta in parte ancora nella rodata formula “Play & Conduct”. OSI collaborerà, in un confronto stretto, con personalità musicali di altissimo spessore artistico quali il controtenore Bejun Mehta (27.01) e il violinista Ilya Gringolts (03.02), coinvolti nel doppio ruolo di solisti e direttori. Il 13 gennaio inaugura invece questa mini-stagione in Auditorio il Primo violino dell’OSI Robert Kowalski nei panni del “Maestro di concerto”, per guidare l’Orchestra, senza direttore, attraverso pagine di Šostaković, Schubert, Weinberg e Bacewicz. Il 20 gennaio sarà invece un direttore affermato e storicamente informato come Riccardo Minasi a condurre l’OSI, senza solisti, in una serata che omaggia Schubert e Beethoven.