(iStock)

Stato d’assedio

di Claudio Visentin

Le mura delle città e delle fortezze scandiscono il paesaggio in età medievale e moderna. Non appena un esercito nemico fa la sua comparsa all’orizzonte, gli abitanti sono pronti a rinchiudersi dietro la rassicurante protezione dei baluardi. Uomini e donne, vecchi e bambini, tutti sono chiamati a dare il loro contributo in questa lotta senza quartiere per la sopravvivenza. Comincia allora un assedio, che può trascinarsi per mesi o anche per anni, con azioni militari, assalti e sortite, ma anche con lunghi periodi di inattività; dopo tutto la fame e la sete sono i migliori alleati degli assalitori. E se la città resiste troppo a lungo, senza arrendersi, l’attende un terribile saccheggio.

In tempi e luoghi anche molto diversi, da Gerusalemme (70) a Parigi (1870), ogni assedio ha una sua storia particolare. Macchine sempre più perfezionate vengono impiegate per scalare le mura o aprire una breccia, sino alla grande svolta dell’invenzione dell’artiglieria, che ridisegna l’aspetto delle città. Sul piano psicologico invece alcune situazioni − speranza, sconforto, minacce, beffe − si ripetono anche a grande distanza di tempo, come ha raccontato Duccio Balestracci.

Libri presenti nel catalogo del Sistema bibliotecario ticinese (Sbt) 

Balestracci, Duccio. Stato d'assedio : assedianti e assediati dal Medioevo all'età moderna. Il Mulino, 2021

Settia, Aldo A. Rapine, assedi, battaglie : la guerra nel Medioevo. Laterza, 2002

Cardini, Franco. Il Turco a Vienna : storia del grande assedio del 1683. Laterza, 2011

Altri saggi di Duccio Balestracci in Sbt

Ora in onda Radio svizzera classica In onda dalle 1:30
Brani Brani in onda Marion (From Psycho) - Michael Wollny Ore 1:56