Manifesto, Davos (© Wikipedia)

La magica Davos: da Thomas Mann a Ernst Ludwig Kirchner

di Brigitte Schwarz

La storica stazione di villeggiatura vanta una lunga tradizione da quando, alla metà dell’Ottocento, il medico tedesco Alexander Spengler aveva scoperto le proprietà terapeutiche del clima di Davos nella cura della tubercolosi. Thomas Mann vi era giunto nel 1912 per assistere la moglie Katia, ricoverata al Waldsanatorium, la clinica immortalata nel suo celebre romanzo, metafora di un’Europa decadente che si apprestava a vivere le tragedie della prima guerra mondiale. Ernst Ludwig Kirchner vi arrivò nel 1917, fisicamente e psichicamente debilitato dagli eventi bellici. Oggi sulla Promenade di Davos non si affacciano più i grandi sanatori: le ville in stile liberty di medici e pazienti benestanti, e i protagonisti della “Montagna incantata”, giovani cavalieri e dame con la gonna bianca, hanno lasciato il posto a turisti, escursionisti e partecipanti a congressi. Ne parleremo nella tappa del “Grand Tour” estivo di Rete Due con i nostri ospiti: Carla Burani, direttrice del Kirchnermuseum, lo storico della filosofia Domenico Conte, i germanisti Luca Crescenzi ed Elisabeth Galvan e Jürg Schweizer, capo dell’unità di ricerca dell’Istituto per lo studio della neve e delle valanghe.

Ora in onda Festival d'estate - Festival di Granada 2019 In onda dalle 20:30
Brani Brani in onda The Absinthe-Minded Gypsy - Adrian Raso Ore 19:59