Il gamberetto del Monte San Giorgio

di Anna Pianezzola

Una scoperta eccezionale ha coronato, recentemente, gli scavi scientifici sul Monte San Giorgio, patrimonio mondiale dell’ Unesco dal 2003, condotti dall’equipe del Museo Cantonale di storia naturale. Riguarda l’inaspettato ritrovamento di un piccolissimo anfibio, un gambero lungo un paio di centimetri. Ma che cosa significa questo ritrovamento nell’ambito degli studi di paleontologia sulla conoscenza delle forme di vita che ci hanno preceduto? Quali sono le condizioni che ne hanno permesso la vita fra le nostri attuali montagne, vecchie di ca. 240 milioni di anni? A queste e ad altre domande, cercherà di rispondere il nostro incontro di oggi pomeriggio con Rudolf Stockar, collaboratore scientifico del Museo Cantonale. Al quale parteciperà anche Giovanna Staub, Site Manager del Museo dei fossili di Meride, al microfono di Anna Pianezzola

Per saperne di più, cliccate su questo link:

http://la1.rsi.ch/home/networks/la1/cultura/Il-giardino-di-Albert/2013/02/04/cloned-article.html

Tags: Il punto, fossile, Monte San Giorgio, museo

Brani Brani in onda Watermelon Man - Herbie Hancock Ore 9:27