Eraldo Affinati, Tutti i nomi del mondo (estratto copertina) (librimondadori.it)

Eraldo Affinati, Tutti i nomi del mondo, Mondadori

di Massimo Gezzi

Il segnalibro
Mercoledì 23 maggio 2018 alle 07:50

Replica alle 12:50

 

Un appello e un immaginario dialogo con le persone che hanno attraversato la sua vita di uomo e insegnante: così Eraldo Affinati ha concepito il romanzo "Tutti i nomi del mondo", dando la parola a una lunga serie di ragazzi migranti accolti dalla sua scuola di italiano per immigrati o di parenti scomparsi. Al mosaico di voci fa da sottofondo quella di Ottavio, uno studente delle borgate che accompagna scrittore e lettori con il suo irriverente controcanto in romanesco. La recensione è di Massimo Gezzi.

Siamo la Svizzera: uniti nella diversità

Seguici con