Afghanistan: donatori internazionali sotto pressione per evitare la catastrofe umanitaria

di Pietro Veglio

Negli ultimi 20 anni gli aiuti internazionali hanno finanziato il 43% del PIL ed il 75% della spesa pubblica dell’Afghanistan. Da quando quattro mesi fa i talebani hanno preso il potere gli aiuti sono cessati e la situazione economica, già difficile, è precipitata. Il Programma alimentare mondiale (PAM) stima che oggi 23 milioni di persone - più della metà della popolazione afghana – non hanno accesso ad una dieta alimentare sufficiente. Gli impiegati pubblici non ricevono il salario da diversi mesi e tre milioni di bambini con meno di 5 anni soffrono di malnutrizione cronica. Il sistema bancario è paralizzato per mancanza di liquidità. La siccità prolungata ha distrutto molti raccolti e l’inverno si preannuncia rigido. L’Afghanistan è sull’orlo di una catastrofe umanitaria.