Aiuti internazionali all’Afghanistan: urge più autocritica e realismo

di Pietro Veglio

Negli ultimi 20 anni gli aiuti internazionali all’Afghanistan sono stati particolarmente elevati. 1’000 miliardi di dollari da parte degli Stati Uniti, soprattutto per l’apparato militare afghano, e molti altri dalla comunità internazionale. La Svizzera vi ha contribuito con 500 milioni di franchi. Nella conferenza dei donatori dell’Afghanistan dello scorso novembre furono promessi per i successivi 4 anni 12 miliardi di dollari, condizionati al rispetto dei diritti umani. Nel frattempo la situazione politica si è rovesciata ed i talebani sono oggi al potere. Una nuova riunione dei donatori ha appena avuto luogo a Ginevra, con promesse importanti. Gli aiuti rappresentano oggi più del 40% del PIL afghano. Ma, a parte quelli umanitari, sono stati bloccati alla caduta di Kabul sotto il controllo dei talebani e completati dal blocco americano di 9 miliardi di dollari di riserve valutarie afghane congelate nelle banche statunitensi.