Europa, quando il debito è una virtù

di Gianfranco Fabi

I prossimi mesi saranno decisivi per delineare il futuro di un’Unione europea che ha cambiato volto per rispondere alle esigenze della pandemia e della crisi economica esplosa lo scorso anno. Ha cambiato volto perché è stato abbandonato, anche se ufficialmente solo sospeso, quel patto di stabilità e crescita che imponeva vincoli rigidi sui bilanci e misure di austerità che spesso, come nel caso della Grecia, aggravavano i problemi invece di risolverli.