Guerra russa in Ucraina: tre riflessioni di tipo economico

di Pietro Veglio

La guerra russa in Ucraina. Tocca tragicamente 44 milioni di abitanti su di un territorio di 1/3 di quello russo. Da 30 anni in Ucraina era in atto una transizione democratica verso un’economia di mercato attraverso l’intensificazione delle relazioni commerciali, finanziarie e culturali con imprese, istituzioni e media occidentali. A sua volta la Russia è sì una potenza militare e con un’economia mondialmente all’11esimo posto. Ma troppo dipendente dall’estrazione ed export di petrolio e gas naturale e poco diversificata nelle attività ad alto valore aggregato e high tech. Quanto all’Unione europea è oggi il principale partner commerciale dell’Ucraina. Se la Russia dovesse disgraziatamente vincere la guerra - al di là dell’enorme tragedia umana e umanitaria - ci si dovrà pur chiedere come la Russia di Putin – già fortemente indebolita dalle sanzioni occidentali - finanzierà la costosissima ricostruzione e la gestione politico-economica del paese. Il Cremlino si è posto questa domanda prima di lanciare l’insensata occupazione dell’Ucraina?

Approfondisci il tema con il dossier di RSI News.